Monastero San Giovanni Theristis
Cascate del Marmarico

Bivongi Cascate del Marmarico

La cascata del Marmarico, in dialetto calabrese Cascata du Marmaricu) è la cascata più alta della Calabria e dell'Appennino meridionale, è alta 114 metri.

Si trova nell'alto corso della fiumara Stilaro, al vallone Folea. Il luogo circostante ha l'omonimo nome della cascata, al di sotto di essa si trova un piccolo laghetto. Si trova nel territorio del comune di Bivongi (RC).

Dal 6 settembre 2011 è stata inserita tra le "meraviglie italiane" del progetto omonimo, nato in occasione del 150° dell'Unità d'Italia, di carattere turistico-culturale del Forum Nazionale dei Giovani.

Etimologia

Marmarico", è una parola di origine dialettale e significa "lento" o "pesante", probabilmente dall'impressione che l'acqua, seppure in perenne caduta, sembri apparentemente formare dei filamenti immobili. La parola Folèa invece deriva dal greco φωλεὰ e significa nido.

Il territorio

La cascata, incastonata fra il Parco nazionale della Sila e quello dell'Aspromonte, ricade nel Parco naturale regionale delle Serre calabresi. Si trova nell'alto corso della fiumara Stilaro, nel vallone Folea, nel territorio del comune di Bivongi (RC). Dal centro abitato di Bivongi è raggiungibile dopo un percorso sterrato fa fare in fuoristrada ed un breve tratto a piedi (circa 15 minuti) in mezzo ai boschi, costeggiando il corso del fiume Stilaro. Si giunge in una radura dove un laghetto, formato dal salto della cascata accoglie i visitatori.

Comuni della Vallata

  • index.php?option=com_content&view=article&id=8

    Pazzano
  • Bivongi
  • Stilo
  • Camini
  • Monasterace
  • Riace